Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
BEETHOVEN Ludwig van
(Bonn, 1770-Vienna, 1827)
L’opera creativa di Beethoven è più che mai una autobiografia in cui non ci sono ristagni di azione né ripiegamenti su posizioni o fasi narrative già sviluppate; ma ogni punto di arrivo è anche punto di partenza, come in una spirale verso successive esplorazioni nel mondo fantastico dell’arte.
Prendiamo le sinfonie. Ognuna di esse risponde ad una particolare passione di vita, ad un’ora della giornata particolare del maestro: speranze di gioventù (Ia Sinfonia in Do, op.21, 1800); lusinghe d’amore (IIa Sinfonia in Re, op.36, 1802); aspirazioni eroiche (IIIa Sinfonia in Mi bemolle, op.55, 1804); lotta con il destino (Va Sinfonia, in Do min., op.67. 1808); evocazione di una pastorale età dell’oro ( VIa Sinfonia, in Fa, op.68, 1808); gioia dionisiaca della danza (VIIa Sinfonia in La, op.92, 1811/12); Nella IXa Sinfonia in Re min, op.125, del 1823, queste stagione dell’anima, fiorite successivamente nella liberazione confidente dei suoni, si ritrovano insieme e costruiscono l’immagine totale dell’uomo e dell’artista Beethoven. Così per le sonate, così per i quartetti, così attraverso tutte le tappe della sua attività creatrice. (ra)