Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
DE LA RUE Pierre
(1452 – 1518)

Il calibro tecnico di questo compositore franco-fiammingo, fa sì che alcune sue composizioni siano attribuite a Josquin e viceversa, risultando un rompicapo difficilmente decifrabile per la moderna filologia musicale. Maestro della corte borgognona, scrisse messe, mottetti e magnificat prediligendo spesso la forma canonica, l’espansione del coro da 4 a 6 voci, l’uso di un cromatismo che preannunciava i primi tentativi di uscire dallo schema polifonico di origine fiamminga. A lui si devono importanti innovazioni quali la tecnica della “parodia” applicata alla messa e la struttura del requiem musicato secondo la moderna accezione in una della sue prime espressioni polifoniche.