Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
DUBIENSKY Kurt
Kurt Dubiensky, tra il 1939 e il 1940 dovette fuggire da Vienna a causa delle leggi razziali. Ebreo, si rifugiò a Milano, poi a Fino del Monte e infine a Clusone. E nella cittadina baradella lavorò come pellicciaio, ma potè coltivare anche la sua passione per il canto. Musicista oltre che compositore, Dubiensky è da tutti ricordato con stima e affetto per il suo grande impegno nel fondare - cinquant'anni fa - e portare avanti l'attività del Coro Idica, che ha saputo far conoscere anche all'estero durante alcune tournée. Fu proprio la notte di Natale del 1947 che Dubiensky di fatto fondò con una decina di giovani clusonesi il Coro Idica.
L'Idica, che conta oggi 38 elementi divisi tra tenori primi, tenori secondi, baritoni e bassi, è ora diretto dal maestro Gian Luigi Bigoni, assistito dal suo vice Gian Lorenzo Benzoni. Presidente è Cesare Ferrari, vicepresidente Luigi Loda e segretario Gian Pietro Trussardi. In repertorio canti di montagna, delle valli bergamasche, canti folcloristici, internazionali e anche religiosi, la gran parte armonizzata o composta dal fondatore maestro Kurt Dubiensky. Tra i tanti premi da ricordare quattro Palme d'oro al Festival d'Israele, la Medaglia Leonardo da Vinci, varie medaglie d'oro ricevute dalle città di Bergamo, di Milano e dalla Regione Lombardia.