Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
ECCHER Celestino
(Dermulo, Trento 12-VI-1892; Trento 24-IX-1970)
Diventò sacerdote nel 1917 e compì gli studi musicali al Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma con i maestri Dobici, Casimiri e altri. Dal 1925 al 1965 tenne la direzione della cappella musicale del duomo di Trento e fu insegnante di canto nel Seminario Maggiore diocesano.
La Scuola Diocesana di musica sacra da lui fondata nel 1927 e diretta fino al 1962 fu tra le più distinte e attive nel nostro paese.
Dal 1931 al 1962 fu anche titolare della cattedra di musica sacra nel Conservatorio di Bolzano.
Si perfezionò nello studio del canto gregoriano, distinguendosi con pubblicazioni specializzate e impegnandosi a farlo conoscere in numerosi corsi e iniziative tra il clero e le religiose.
Realizzò molti accompagnamenti alle melodie gregoriane del “Liber usualis” e compilò anche un importante metodo di Accompagnamento gregoriano (Desclée, 1960).
Tra le composizioni si contano una ventina di Messe e di Requiem, per ogni organico, alcune anche in italiano; inoltre un numero sterminato di mottetti, inni, salmi, servizi di ogni tipo, canzoncine mariane e devozionali,... che è impossibile citare anche parzialmente.
Rimandiamo al catalogo meticolosamente compilato da Amelio Fiorini e pubblicato nel volume Monsignor Celestino Eccher (a cura della Scuola Diocesana di Musica Sacra, Trento, 1982).
Nella sua attività di compositore coltivò e imitò con particolare interesse la classica polifonia, pervenendo ad uno stile contrappuntistico personale e vigoroso.