Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
FIORONI Gianandrea
(1716 – 1778)

Di origine pavese fu il miglior maestro di cappella del Duomo di Milano nel ‘700. Stimato da padre Martini, vince nel 1747 il concorso a maestro di cappella mostrando nelle prove d’esame (basate sulla composizione di una messa solenne, inni e salmi sulla natività della Vergine) una tecnica e una vena melodica considerate eccellenti dai giudici. L’ Archivio della Fabbrica del Duomo conserva circa 200 faldoni di pagine dedicate alla liturgia mentre altri lavori risultano allocati presso biblioteche straniere (sinfonie, sonate per cembalo, cantate). Risulta dispersa l’opera “Didone abbandonata” rappresentata nel 1775 al Teatro Ducale di Milano. Didatta coscienzioso e stimato, ebbe tra i suoi allievi Giovanni Zucchinetti, Isidoro Piantanida e i due futuri maestri di cappella del Duomo Agostino Quaglia e Carlo Monza. (gnv)