Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
GUALCO Semplicio
(Finalmarina, oggi Finale Ligure, Savona, 14-V-1861; Savona, 8-V-1943)
Saladino, insegnante a Milano di Lorenzo Perosi, gli fu maestro per il contrappunto e Dominiceti per la composizione ottenendo il diploma nel 1885. Suoi compagni di classe Mascagni e Puccini. Già direttore di banda a Finalmarina si trasferì a Genova come insegnante di armonia e come membro della commissione
diocesana di musica sacra. Aveva infatti sposato l’ideale ceciliano e si adoperò in favore della riforma anche dopo il suo passaggio di docenza al Conservatorio di Milano. Fu autore di numerose composizioni sacre oggi del tutto dimenticate tra cui una messa per grande orchestra pubblicata da Chenna che ebbe esiti positivi, due opere liriche inedite, i “Preludi Sinfonici” per orchestra e vari pezzi per archi, da camera e per banda. Liturgicamente è possibile rintracciare una serie di salmi a una voce, una messa breve e facile, due “missae pro defunctis”, tre vespri della Madonna a due voci pari tutti pubblicati da Chenna. (da "Le Firme dell'Organo")