Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
HASSE Johann Adolph
(Bergedoerf, 25-III-1699 – Venezia, 23-XII-1783)

La moderna musicologia sta rendendo merito all’opera di questo musicista tedesco(già cantante dalla splendida voce e valente cembalista) che trovò in Italia l’ambiente e l’ispirazione per fornire un catalogo musicale di altissimo profilo e di grande qualità stilistica. Allevato a Napoli alla scuola di Porpora e Alessandro Scarlatti, trovò a Venezia la sua prima consacrazione agli “Incurabili” e trovò anche la moglie che gli fu al fianco tutta la vita, quella Faustina Bordoni
(si veda il piccolo saggio su di lei in “Scampoli di musica”, pubblicato da Carrara) celebratissimo soprano dalla voce ineguagliabile. La sua vita musicale si svolse tra Londra, Dresda e Vienna prima del ritorno definitivo a Venezia. La sua concezione musicale favorisce l’eleganza, la perfetta fusione tra melodia e parola, la naturalezza che cancellasse l’inutile artificio, il sentimento e l’espressività come mezzo comunicazionale. Mozart stesso desiderava scrivere come Hasse ed espresse questo concetto in più di una sua lettera. Raffaele Mellace in un suo ponderoso testo, completa lo scritto con il catalogo delle opere (prevalentemente teatrale) oggi scientificamente ricostruito. (gnv)