Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
MAGRI Pietro
(Vigarano Mainarda, Ferrara 10-V-1873; Oropa, Biella 24-VII-1937)
Si formò e divenne sacerdote nel seminario di Faenza, dove insegnò canto dal 1889 al 1894.
Passò a Venezia (1898), facendosi allievo di Lorenzo Perosi e insieme suo sostituto nella cappella di S. Marco, nonché insegnante nel seminario patriarcale e in altri istituti cittadini.
Divenuto in seguito maestro nel duomo di Bari, vi fondò il periodico di musica sacra “Il ceciliano”. Passò poi per breve tempo nella cattedrale di Lecce (1910) e di Molfetta, quindi in S. Eusebio a Vercelli come successore di R. Casimiri (1912).
Dal 1919 visse e operò nel santuario mariano di Oropa.
Molte le sue opere liturgiche, pubblicate da quasi tutti gli editori in quell’epoca.
Un po’ iperbolicamente fu definito compositore esplosivo e ... pirotecnico ; in realtà egli espresse sempre nelle sue opere tanta cordialità, al di là di atteggiamenti sofisticati o studiati, riportando i modi caratteristici e veritieri dell’umile gente campagnola.
Don Pietro Magri, pur all’ombra del gigante Perosi, come tutti del resto, inondò il mondo cattolico di tanta italianissima musica liturgica.