Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
OBERHOFFER Heinrich
(Pfalzel, 9-XII-1924; Lussemburgo, 30-V-1885)
In genere quando un papà fa di professione il sacrista e l’organista, il figlio difficilmente fa il chimico. Quindi è facile ritrovare un ragazzo di brava gente studiare nel seminario di Brno prima di diventare organista di Treviri. Poi la carriera ti porta ad insegnare musica nel seminario di Lussemburgo dove diventi, nel 1861, anche ufficialmente professore. E per essere coerente col cammini intrapreso, il buon Oberhoffer fonda il periodico “Caecilia”, tanto per non smentire la propria identità musicale e religiosa. Mancava solo una nomina: organista titolare della chiesa di San Michele in Bruxelles. Arrivò anche quella. Il compositore non rimarrà sulla prima fila degli scaffali. Messe, mottetti e qualche pezzo per organo. Qualche libro di didattica per pianoforte, un trattato di armonia e di composizione, e naturalmente uno scritto dedicato alla scuola dell’organista cattolico. Non poteva mancare. (g.n.v.)