Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
RICCI Francesco Pasquale
(Como, 17/5/1732 – ivi, 7/11/1817)

A 27 anni, ordinato sacerdote, divenne maestro di cappella e organista della cattedrale di Como. Racconta Oscar Tajetti che, in quel periodo, era anche direttore di una accademia musicale a Milano. Mantenendo il suo posto, viaggiò in Europa esibendosi all’organo, suonando il violino, il salterio e il clavicembalo. Non disdegnava di esibirsi anche come cantante. L’Aja fu la sua seconda città e i Paesi Bassi la sua seconda patria. Nascono le sue sinfonie, i suoi trii, le sue sonate per clavicembalo, violino e violoncello. Il “Dies irae” gli consegnò fama in Inghilterra. Manager, editore e venditore di opere musicale a stampa, era un “Quarto Grado della Loggia Massonica Veritable Zele “ all’Aja, dove i membri erano musicisti ed editori. Attorno ai cinquant’anni fu richiamato a Como dove riprese il suo vecchio incarico arricchendo la città della sua trascorsa esperienza musicale con l’esecuzione di oratori e cantate. Trascorse gli ultimi anni a Loveno di Menaggio.