Profilo generico | Registrati! | Gestione profilo
RICERCA TESTUALE
Cerca
SALVIUCCI Giovanni
(Roma, 26-X-1907; ivi, 4-IX-1937)
In un suo splendido saggio Fedele D’Amico così si esprimeva: “Quando Salviucci morì, il 4 settembre 1937, non aveva trent’anni: e basta domandarsi quanta musica sopravviverebbe oggi di un Petrassi o di un Dallapiccola, se Petrassi e Dallapicola avessero smesso di scrivere a trent’anni”. Questo assunto per sottolineare che le pagine orchestrali scritte dal giovane compositore romano prematuramente scomparso erano già state additate come nuove conquiste sulla via della rinascita della musica italiana e reggevano il confronto con i nuovi e moderni talenti dell’epoca.
Gli studi erano stati fatti con Boezi per Pianoforte, Organo e Composizione e il perfezionamento poi con Respighi e Casella. Critico musicale della “Rassegna Nazionale” era inoltre insegnante di Contrappunto e Fuga all’Istituto “M. Clementi” di Roma.